Dalla parte della foresta

12 giugno 2013 - Tonio Dell'Olio

La avverto come un’esigenza profonda. Come una sete. Un’acqua fresca di cui mi sento orfano nell’arsura dell’informazione cui sembro condannato a nutrirmi quotidianamente. Sono le notizie belle. Quelle cose – tante – di cui ho conto incontrando persone e situazioni e che puntualmente non sono prese nemmeno in considerazione dalla giostra delle televisioni, dei giornali e dei padroni del web. Sono persone che si organizzano e propongono senza proporsi. Gente che ritaglia tempi per gli altri. Giovani e anziani che si spendono. Formiche che costruiscono. Non è retorica. È la foresta che cresce mentre la cronaca è piena del fracasso degli alberi che cadono. Invenzioni originali per fare fronte alla crisi, nuovi modelli educativi, cura dell’ambiente e della bellezza, servizi alla cultura, solidarietà autentica e senza frontiere, sguardi lontani e profondi, il mettersi insieme per stare meglio, costruzione di forme comunitarie, difesa di soggetti fragili, forme di resistenza, sguardi di fiducia e di speranza per il domani da costruire giorno per giorno… Almeno una pagina fitta dedicategliela! Ma anche noi sui blog e sui diari dei social network prendiamo l’impegno di dare voce a questo mondo nascosto. Trasformiamoci in mendicanti del buono e del bello. Per dare respiro all’anima del mondo e accendere il lume della speranza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39