Mazzette globali

10 luglio 2013 - Tonio Dell'Olio

“Quest’anno il livello di corruzione nel mondo è aumentato, così come la volontà di combattere questo flagello” così si legge nel “Global corruption barometre” pubblicato ieri da Transparency International (http://www.transparency.org/gcb2013). Sono stati intervistate 114.000 persone in tutto il mondo e, tra queste, il 27% ha ammesso di aver dato o ricevuto bustarelle nell’arco dell’ultimo anno. Nonostante questo, 9 su 10 si dichiarano disponibili a lottare contro la corruzione. E in Italia? Il 64% degli intervistati dice che la corruzione è cresciuta e solo il 4% che è calata. Crisi della politica? L’89% ritiene che i partiti sono corrotti e il 77% pensa lo stesso del Parlamento. Ma sono troppi i Paesi in cui si fa l’esperienza quotidiana della richiesta di bustarelle da parte di poliziotti. Mazzette persino nei tribunali per aggiustare i processi. Huguette Labelle, president di Transparency International ha sottolineato che «la pratica delle bustarelle resta molto corrente nel mondo, ma i popoli sanno ormai che hanno il potere di mettere fine alla corruzione. Sono numerose le voci che si levano oggi contro gli abusi di potere, le transazioni segrete e le tangenti». Ci sono tanti motivi per scoraggiarsi ma possono trasformarsi in altrettante ragioni per impegnarsi di più. Ciascuno facendo la propria parte, tanto come cittadini che come rappresentanti delle istituzioni. In Italia, ad esempio, c’è un pacchetto di norme proposte dal basso (www.riparteilfuturo.it) che attende solo di essere discusso e, possibilmente, approvato.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39