I macigni sulla coscienza

11 ottobre 2013 - Tonio Dell'Olio

Per molti forse è solo un ricordo sbiadito. Non può esserlo per mamma Angela e gli altri suoi tre figli. Simonetta Lamberti aveva solo 11 anni e tanta vita negli occhi quando il 29 maggio 1982, tornando a Cava de Tirreni dopo una bella giornata di mare, un killer assoldato dalla camorra la uccise nel tentativo di colpire il padre Alfonso, sostituto procuratore a Sala Consilina (SA), che in quell’attentato rimase ferito. Dopo 31 anni, solo ieri Antonio Pignataro, pentito di camorra, ha vuotato la sua coscienza raccontando come sono andati i fatti e ammettendo di aver partecipato all’omicidio. “Mi sono tolto un macigno” – ha detto. Quanti macigni gravano ancora sulla coscienza di tanti? Troppi se si considera che il 70% dei familiari di vittime innocenti di mafia in Italia non conosce il nome di colui o coloro che hanno segnato per sempre la loro vita – come ha ricordato don Ciotti dall’aula in cui si celebra il processo. Soprattutto per questo non dobbiamo rallentare la semina di giustizia. Sono semi che germogliano lentamente ma destinati a donare frutti abbondanti. I macigni si possono rimuovere, si devono rimuovere.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38