Gioca per la vita

25 novembre 2013 - Tonio Dell'Olio

Da troppo tempo lo sport non è più solo un gioco. È diventato anche una concentrazione enorme di business e di interessi. Di speculazioni e di violenza. Ed è un vero peccato per quanti, invece, continuano a crederci. Forse gli appelli non bastano e ciascuno dovrebbe assumersi le proprie responsabilità. Anche nello sport ognuno deve offrire il proprio contributo secondo competenze e ruoli. Un esempio per tutti arriva dal Brasile dove i vescovi si stanno preparando ai mondiali di calcio del prossimo anno. Hanno coinvolto associazioni di base e istituzioni brasiliane e hanno dato vita ad una vera e propria campagna di prevenzione: “Gioca per la vita”. Da tempo ci sono avvisaglie concrete che la criminalità organizzata abbia individuato anche quell'evento per trarne il massimo profitto attraverso la tratta di persone e altri crimini. In ogni caso, nei giorni del Mondiale di Calcio, presso le stazioni e negli autobus, nelle città che ospitano gli eventi sportivi e negli stadi, saranno distribuiti dépliant informativi sul tema della tratta di persone umane. Un gesto nemmeno tanto piccolo ma che ha il sapore grande della responsabilità e del contrasto dal basso alle famiglie criminali.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39