Il fiume putrido della corruzione

10 dicembre 2013 - Tonio Dell'Olio

Se le giornate mondiali dell’ONU hanno lo scopo di indicarci strade e priorità per rendere migliore il mondo in cui viviamo, non possiamo non vedere legate la giornata di ieri e quella di oggi. Ieri Giornata Mondiale contro la Corruzione e oggi Giornata Mondiale per i Diritti Umani. Perché non vi può essere affermazione di diritti quando sotto le case delle nostre città scorre putrido quel fiume di malaffare, interessi inquinati e illegalità che è la corruzione. La Campagna iniziata da Gruppo Abele e Libera contro la corruzione nella sanità ci dice che solo nel nostro Paese e solo dal 2010 ad oggi, un miliardo e mezzo di euro sono finiti in quel fiume. Si sarebbero potuti costruire 5 nuovi grandi ospedali! Il diritto alla cura è diritto fondamentale. Vederlo sbiadire dentro la nebbia degli appetiti di gente senza scrupoli che siede dietro le scrivanie della pubblica amministrazione o rappresenta un’azienda farmaceutica, un’impresa o un gruppo di affari… è da sciacalli. La corruzione è sempre odiosa e incivile. La corruzione è un peccato sociale. Ma diventa un delitto quando si abbatte direttamente sulla vita delle persone e - silenziosamente - miete vittime. Una guerra. Ragioni sufficienti per firmare l’appello di www.riparteilfuturo.it/ Salute: obiettivo 100% per aziende sanitarie trasparenti. E le giornate ONU avranno un senso.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39