Ho sete di Natale

23 dicembre 2013 - Tonio Dell'Olio

Ho sete di Natale. Solo di Natale. Senza aggettivi. Un Natale punto e basta. Lo stesso che auguro a te e a tutto il mondo. Non gli auguri per un giorno. Ma quelli per Natale. Che significa principio, partenza, nuovo inizio, vagito. E non importa ci siano fiocchi di neve e nenie di bambini. Alberi vestiti a festa e luci soffuse. Solo Natale. Che allarghi i confini e mostri in un solo colpo d’occhio tutti i ventri ancora gonfi della storia che attende di partorire la pace. Nelle Filippine, in Siria, in Sud Sudan, in Messico, in Honduras, a Gaza e in tutti i luoghi in cui quel vagito è spento da interessi di parte, dall’indifferenza di troppi e dalla nostra memoria distratta. Hanno sete di Natale anche a Lampedusa e in tutti i luoghi del mondo in cui la dignità di donne e uomini viene insultata, minacciata, sfregiata. Natale per tutti. Perché tutti hanno un’infinita sete di Natale.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39