Persone, non clandestini

13 maggio 2014 - Renato Sacco

A Catania. Atterraggio programmato verso le 13. Alla stessa ora, nella stessa città siciliana, è previsto l’arrivo della nave con centinaia di profughi che, nella tragica traversata, hanno visto morire decine (centinaia?) di loro fratelli e sorelle, compagni di un viaggio verso la vita. Il mio viaggio a Catania è veloce, sicuro e anche a poco prezzo. Il loro no! E ti chiedi perché io? Ho forse meriti particolari? Forse sono solo tremendamente più fortunato. E ti ricordi le parole di Francesco a Lampedusa “Chi ha pianto?”. Vorresti stare in silenzio, forse anche piangere. Ma nella confusione dell’aeroporto come si fa? Sei in mezzo a un mare di gente che parte e che sa anche di arrivare. Loro no. E sono un pugno nello stomaco le parole di un capopartito del Nord che non trova di meglio che ringhiare la sua rabbia, e invocare, di nuovo, il reato di clandestinità. Almeno oggi, tacere no? Un po’ di pietà.

Beh, sono contento di andare a Catania.

A respirare un’aria diversa dal Nord. È vero, sia detto: al nord non ragioniamo tutti così! E lo testimonia l’accoglienza di profughi anche nella mia zona, al Nord, in provincia di Verbania. Così come in Sicilia non sono tutti mafiosi, come invece molti al Nord pensano. Ma è doveroso smascherare e denunciare un razzismo strisciante, più diffuso di quello che sembra. Non gridato, ma condiviso sotto sotto. E magari anche da persone ‘per bene’ o addirittura... religiose. La mafia e il razzismo si nutrono della connivenza, del silenzio, della compiacenza. Come “il pesce che per nuotare ha bisogno dell’acqua intorno”, per dirla con don Ciotti.

E allora li chiamiamo profughi, non clandestini.

Persone, non problemi.

E, per i credenti, ogni persona è Gesù in mezzo a noi. Mi viene in mente la canzone che cantavo da piccolo per la festa della Madonna di Fatima: “Ai tre pastorelli dicesti laggiù, salvate i fratelli che offendono Gesù”. Sì, perché anche il razzismo è bestemmia.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39