Uno Schindler iracheno. Eroico

29 gennaio 2015 - Tonio Dell'Olio

Dal blog di Marco Tosatti della Stampa.it leggo e rilancio.

C’è un uomo, la cui identità è sconosciuta, che nel territorio irakeno occupato dai miliziani dell’ISIS compra al mercato degli schiavi ragazze e donne yazide e cristiane per liberarle, e fare in modo che possano ricongiungersi con le proprie famiglie. La notizia è stata data da Walid Shoebat, un sito di cui è titolare un ex jihadista, convertito al cristianesimo nel 1994. Nello Stato Islamico creato dai terroristi dell’ISIS al mercato degli schiavi donne, ragazze e anche bebé vengono venduti ai militanti dai militanti. Ora, anche se molti considerano che non sia etico partecipare in qualunque forma a questo mercato di esseri umani, che comunque fornisce denaro a un’organizzazione terrorista, c’è un uomo iracheno, la cui identità viene tenuta segreta, che compra donne e ragazze per rimetterle in libertà. Questo Schindler del Medio Oriente agisce come un mercante di schiavi, per ottenere il suo scopo, che è quello di riunire le vittime a padri, mariti e al resto della famiglia. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39