Quando si accoglie un trans

5 febbraio 2015 - Tonio Dell'Olio

Continuo a sostenere che non siamo preparati a leggere i gesti di papa Francesco con la stessa capacità interpretativa con cui ci si esercita sulle parole. E così avviene che non diamo il giusto peso ad alcuni segni che pure lui pone nella consapevolezza che non passino inosservati. Come hanno riferito i media e, primo tra tutto il quotidiano spagnolo Hoy, il 26 gennaio scorso il Papa ha incontrato privatamente Diego Neria Lejarraga e la sua fidanzata. Nessuno scoop se non fosse per il fatto che Diego è un’ex donna di 48 anni credente e praticante, emarginata dai fedeli della sua chiesa di Plasencia, in Estremadura, Spagna. Infatti dopo aver cambiato sesso con un intervento chirurgico, si è sentito respinto e umiliato dalla stessa comunità cristiana di cui era parte. Incoraggiato però dal suo vescovo col quale si era confidato e dal quale aveva trovato comprensione, ha provato a scrivere al Papa che lo ha chiamato per ben due volte nel corso del mese di dicembre scorso, fino a fissare l’appuntamento del 26 gennaio. Un incontro semplice, fatto di abbracci, di ascolto, di comprensione. Perché nessuna dottrina, nessun precetto, nessun canone può ignorare le persone, i loro percorsi, il loro dolore, le loro fatiche. A ben guardare si tratta dello stesso stile di Gesù che per questo riceveva la tenace opposizione dei dotti e dei benpensanti e l’affetto dei poveri e degli esclusi. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39