Per rispondere a Boko Haram

17 febbraio 2015 - Tonio Dell'Olio

Proprio nella zona di Maroua-Mokolo, estremo nord del Camerun, quella più intensamente e drammaticamente interessata dalle stragi e dalle violenze dei Boko Haram che arrivano dalla Nigeria, oggi si inaugura la “Casa dell’incontro tra cristiani e musulmani”. Un’iniziativa assunta insieme da cattolici, ortodossi, protestanti e musulmani per diffondere una cultura del dialogo che porti innanzitutto a conoscersi nella proprie ricchezze e specificità. Ma poi conduca a diffondere una vera e propria mentalità dell’accoglienza più che della semplice tolleranza. Il progetto viene da lontano, per l’intuizione di un gesuita spagnolo e islamologo, padre Antonio Ayanz, ma oggi riconosce una sua urgenza. “Questa Casa dell’incontro – dice padre Ayanz - vuol fare di noi, cristiani e musulmani, dei costruttori di ponti che consentano l’accesso alle ricchezze e ai valori degli altri. Non solo sale con libri e computer ma anche una radio comunitaria per parlare direttamente alla gente, l’organizzazione di incontri popolari e cicli di riflessione. Una risposta ai fondamentalismi. Un passo avanti verso la convivialità delle differenze. (Fonte: www.vaticanisider.lastampa.it)

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44