Comunità autofinanziate, è cooperazione sud-nord

5 marzo 2015 - Tonio Dell'Olio

“L’unione fa la forza e la fiducia è sempre il nostro punto di partenza” dice Alexis Lengani, presidente originario del Burkina Faso della Comunità Auto-Finanziata Somefi. Una realtà nata in Campania all’inizio del 2013 che, mese dopo mese, ha acquistato nuovi associati e ottimismo. “Il gruppo può aiutare i singoli membri a far fronte alle emergenze, si tratti di una lavatrice rotta, di una bolletta o di un viaggio imprevisto” spiega alla MISNA Patricia Pulido, presidente di Acaf Italia, una ONG impegnata nella creazione di comunità auto-finanziate, che permettano l’accesso al credito alle fasce più deboli della società. Oggi, Somefi è composta da una sessantina di membri, migranti originari del Burkina Faso, impiegati nel commercio ma, più spesso, braccianti che lavorano a giornata. Chiamano il loro fondo comune, formato a partire dalle contribuzioni individuali, “casse villageoise”, la cassa del villaggio. Il sistema è semplice. Tutti possono ottenere un prestito, purché non superi di tre volte la somma sino ad allora versata. Per sbloccare i fondi servono il voto favorevole dell’assemblea e due associati disposti a far da garanti nel caso il credito non venga restituito. Quanto al tasso di interesse, è simbolico, dell’1%. Uno dei requisiti fondamentali delle comunità è che restino relativamente ristrette, composte da un massimo di 20 o 25 membri. “In caso contrario – sottolinea Patricia – diverrebbe necessario il ricorso a sistemi di delega e sarebbe a rischio la partecipazione democratica alle decisioni”. Un’eventualità non contemplata dai modelli di associazione come il “bankomunal” venezuelano o la “tontina” popolare in diversi paesi dell’Africa, riferimento costante per Acaf. “Le 18 Comunità nate in Italia – dice Patricia – si ispirano a pratiche tradizionali del Sud del mondo, riadattate al contesto europeo; è una cooperazione a testa in giù, non da nord a sud ma da sud a nord”. (Misna)

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39