Inquinare è reato

20 maggio 2015 - Tonio Dell’Olio

Non c'è sete di giustizialismo nella richiesta di tante realtà della società civile ambientalista, come Libera e Legambiente, e che finalmente ieri è diventata legge. Semplicemente vi è il riconoscimento che chi inquina commette un crimine. Contro la terra, l'acqua e l'aria e, per questo, contro la vita e la vita umana. Non si trattava soltanto di aumentare le pene, quanto di cancellare la vergogna di continuare a pensare agli ecoreati e alle ecomafie, come a un reato amministrativo sanzionabile con una contravvenzione. Anche quando si trattava di compromettere intere aree per i decenni a venire e di provocare malattie fatali per i suoi abitanti. Da oggi non è più così. La legge approvata ieri al Senato non dice soltanto di pene più severe, che non conosceranno la prescrizione, piuttosto introduce una diversa filosofia, in cui la difesa dell'ambiente è un fronte su cui tutti, cittadini e istituzioni, sono chiamati a vigilare con scrupolo.

Resta l'amaro di opposizioni che hanno tentato, fino all'ultimo, di presentare emendamenti, che avrebbero fatto ritornare il provvedimento alla Camera, provocando un inutile e dannoso slittamento di tempi. Da oggi, condoni addio. Chi inquina paga. Eccome!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44