A cento anni dall’inutile strage

25 maggio 2015 - Tonio Dell'Olio

Una giornata di lutto nazionale avrebbe aiutato una presa di coscienza molto più netta e precisa sul primo conflitto mondiale. L’enfasi strisciante che ha accompagnato il primo centenario con scritti, riflessioni, programmazione televisiva apposita e mobilitazione eccezionale dei cerimoniali, non rendono ragione della sofferenza inflitta alla nazione e a quella buona fetta dell’umanità. Perché, anche cento anni dopo, il giudizio sinteticamente più centrato resta quello di Benedetto XV: “Inutile strage”. Che significa “carneficina orrenda”, “suicidio dell’Europa civile”. Peccato. Un’occasione persa. Infatti avrebbe potuto essere occasione propizia per riflettere sulla tragica stupidità della guerra e su un’intera generazione che nemmeno capiva perché veniva mandata a morire. Invece in alcuni casi ci è toccato riascoltare la fanfara della retorica della guerra. A quel punto forse sarebbe stato più dignitoso il silenzio. Nel rispetto dei morti. Altro che grande guerra! Di grande qui c’è solo la tragedia. Immane.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39