Arturo c'è

14 luglio 2015 - Tonio Dell'Olio

Arturo Paoli non c'è più. È morto. Anzi no. Arturo Paoli è vivo. E non solo perché è entrato nella vita che non ha fine. Arturo vive nei mille articoli che ci hanno aiutato a riflettere e nei libri. Nelle sue letture profonde della Scrittura, del volto di Dio e del suo sogno per l'uomo e per la terra. Da intellettuale impegnato ostinatamente nel tentativo di spiegare questo mistero che è la vita. Arturo c'è in ciascuna delle sue tante stagioni e delle terre che ha benedetto con le sue lacrime, i suoi sorrisi, le sue speranze. Arturo Paoli è Argentina, Venezuela e Algeria, è Brasile ma anche Sardegna, Spello e poi Lucca. "Giusto tra le nazioni", Arturo è il rischio della propria vita per salvare gli ebrei dalla tragica follia dei lager e poi è teologia della liberazione a fianco di un vescovo martire come Mons. Angelelli e di mille calpestati da un'economia che uccide e da regimi complici che opprimono. Arturo Paoli è una voce libera sempre. Anche nella chiesa che ha amato. Per questo vive nelle vene e nella voce di chi saprà accogliere il suo insegnamento di vita, di fede e di pace .Di chi avrà capito, a un certo punto della propria strada, che "è camminando che si apre il cammino" coscienti che "il presente non basta a nessuno".

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39