La pace nelle strade di Teheran

15 luglio 2015 - Tonio Dell'Olio

La pace ha spesso bisogno di tempi lunghi e di molta pazienza. Una pazienza rivoluzionaria. I risultati che l’umanità vorrebbe vedere in tempi rapidi perché ne va della propria sopravvivenza, per i potenti sono oggetto di mediazione diplomatica, di negoziazione tattica, a volte anche di compromesso. Per tutta la partita del nucleare in Iran è avvenuto così. A soffrirne, come sempre, sono i popoli. E quello iraniano nella media è un popolo colto, attento, maturo. Per queste ragioni non si può che salutare positivamente il risultato raggiunto ieri con la firma dell’accordo che riporta gli iraniani a pieno titolo nel consesso mondiale. Non sappiamo se è un buon accordo o il miglior accordo possibile ma intanto è un accordo. Perché anche i piccoli passi contano quando ci si deve muovere verso la giusta direzione. Per questo esultiamo anche noi con i giovani nelle strade di Teheran per la fine di un black out durato trent’anni tra “stati-canaglia” e “stati-satana”. Oggi si festeggia il germoglio di una pace stipulata tra governi ma che deve fiorire tra i popoli.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39