L’idolatria dei muri

11 settembre 2015 - Tonio Dell’Olio

Si continua a costruire muri. In Europa e nel mondo. Muri di cemento e di reti metalliche, di filo spinato e di leggi di carta. Ma muri anche dentro le nostre coscienze e nelle nostre intelligenze. Muri nelle relazioni umane e interpersonali, muri tra le generazioni e tra le fedi. C’è un’idolatria del muro che è l’esatto opposto del Dio biblico che vede la miseria del suo popolo schiavo in Egitto e ascolta il suo grido (cfr. Esodo 3, 7). Gli idoli invece “sono argento e oro, opera delle mani dell'uomo. Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono, hanno narici e non odorano. Hanno mani e non palpano, hanno piedi e non camminano; dalla gola non emettono suoni. Sia come loro chi li fabbrica e chiunque in essi confida” (Salmo 115). Ed è questa purtroppo la convinzione idolatrica che si va affermando in alcune coscienze che preferiscono adorare l’idolo-muro piuttosto che il Dio che soccorre i poveri. Ed è una credenza che non troviamo concentrata esclusivamente in Ungheria e in Danimarca, a Ceuta e Melilla, al confine statunitense col Messico e in Israele. Attraversa trasversalmente tutti i Paesi come una sorta di idolatria tanto diffusa quanto vana. Che fare se non soverchiarla con un più diffuso culto (e cultura) dell’accoglienza? Oltre che per fede o convinzione, appare anche storicamente come l’unica risposta possibile.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44