Gianmaria Testa cantore degli ultimi

31 marzo 2016 - Tonio Dell'Olio

Quando muore un poeta, un pittore o un cantautore come Gianmaria Testa perdiamo l’occasione di una carezza in più per i nostri giorni. Perché persone così ci aiutano a scrutare l’anima stessa dei giorni e a dare le parole alle emozioni, ai sentimenti e persino alle cose. Questo ferroviere cantautore ci ha aiutato ad attingere il nome segreto delle situazioni. E lo ha fatto in punta di piedi. Sommessamente. Come la sua voce e i suoi ritmi. Senza rincorrere mai il successo e la popolarità. Fuori dalle logiche fuorvianti del commercio musicale. Coniugando piuttosto le canzoni con l’impegno sociale. Per questo la sua morte prematura ci rattrista ancora di più. “Musicista raffinatissimo” e “fenomeno culturale alto” scrivono di lui i critici (Gabriele Ferraris su La Stampa) ma la verità è che non ha mai smarrito le sue radici contadine e la semplicità che lo ha portato a cantare gli ultimi, soprattutto i migranti. E li ha cantati persino da quel tempio della musica che è l’Olympia di Parigi che l’ha scovato prima degli italiani. Sono ragioni almeno sufficienti per dire anche ai giovani che inseguono il successo in un Talent di rimanere se stessi e di non lasciarsi mutare geneticamente da quel mondo di luci e di tante ombre.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39