L’acqua libera sconfigge la Nestlè

26 maggio 2016 - Tonio Dell'Olio

Ci sono storie esemplari che vale la pena raccontare. A volte arrivano dagli Stati Uniti e questa volta dall’Oregon, da una piccola cittadina di circa mille abitanti che non a caso si chiama Cascade Blocks. Un posto incantevole circondato da ricchi corsi d’acqua e cascate. Un bel giorno nel 2007 arriva la Nestlè e propone di imbottigliare un po’ di quella ricchezza naturale. Un progetto che prevedeva l’accaparramento di circa cinquecento milioni di litri l’anno di quell’acqua e venderla in 1,6 milioni di bottigliette di plastica l’anno. Come nella migliore tradizione delle multinazionali, il progetto vantava la creazione di circa 50 posti di lavoro, la valorizzazione del territorio e tanti altri benefici. Sindaco e amministrazione dalla parte della Nestlè ma popolazione quanto meno scettica. Un gruppo di donne si organizza, sensibilizza sull’importanza dell’acqua come bene comune, sui rischi per l’ambiente. A loro si uniscono subito diversi soggetti tra i quali gli indiani delle tribù per i quali quell’acqua è sacra. Riescono a indire un referendum cittadino che il 17 maggio scorso ha visto la partecipazione del 68% degli aventi diritto e quel manipolo di cittadini consapevoli ha riportato una vittoria secca con il 69% dei votanti che hanno rifiutato “l’offerta” della Nestlè. È la prima volta che negli USA semplici cittadini riescono a evitare l’imbottigliamento dell’acqua pubblica. Insomma Davide e Golia. Una piccola storia da cui trarre insegnamento. (Fonte: www.comune-info.net)

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39