Missioni militari lutto per la democrazia

10 giugno 2016 - Tonio Dell'Olio

Nella più completa distrazione del mondo dell’informazione, il governo ha presentato in Parlamento un decreto con carattere d’urgenza col quale intende ri-finanziare le missioni militari all’estero con 1,2 miliardi di euro. Ce lo ricorda Rete Disarmo con un comunicato. Il decreto-polpettone non fa alcuna differenza tra i diversi scenari di guerra in cui i militari italiani sono impegnati e pertanto non favorisce alcuna valutazione da parte dei parlamentari che si troveranno a votare in blocco missioni molto diverse tra loro: quella in Afghanistan che doveva terminare nel 2014, Libano, Kosovo, Libia, Iraq, intervento anti-pirateria nell’Oceano Indiano, Albania, Palestina, Mali, area del Baltico, Bosnia, Cipro, Somalia... Inoltre si continua a finanziare la collaborazione con le forze armate egiziane e - udite udite – si destinano 90 milioni per la cooperazione civile con un taglio netto di 16 milioni rispetto allo scorso anno. Un’operazione poco trasparente che non consente un dibattito serio e ponderato sugli esiti, la diversa tipologia, le modalità di intervento. La lobby dell’industria armiera se ne rallegra, il ministero della difesa è in festa perché trova la via per incassare ulteriori finanziamenti, la democrazia è listata a lutto.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44