Angelo Vassallo e le lezioni dei borghi

5 settembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Stradine di borgo marinaro in un mondo globalizzato. Odore di mare e di pesce. Odore di sudore di fatica. Poi la scommessa del turismo che rispetta e non stravolge. Che entra in punta di piedi come gli ospiti e non con l’arroganza del predatore. Preservazione dell’anima di una terra e del suo mare. Tutto questo è Acciaroli e questo è stato il sogno di Angelo Vassallo passato alla storia come il “sindaco pescatore”. Ma il suo progetto sapeva scrutare orizzonti più lontani come solo gli uomini di mare imparano a fare sin da bambini. Era un sogno per l’ambiente da rispettare, preservare e vivere come dono da condividere. Un sogno che diventa progetto con la sua elezione e la sua guida. Perché anche in questa Italia zeppa di contraddizioni, di banditori, di illusionisti e profittatori, forse bisogna andare a scuola di chi amministra i piccoli borghi dalla Sicilia al Trentino. Per imparare l’arte di custodire comunità, di riprendere la lentezza del cammino che porta lontano perché lontano è anche il passato da cui provengono. A sei anni dalla sua uccisione, Angelo Vassallo continua a indicarci la strada. E il mare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39