Paura e libertà

30 settembre 2016 - Tonio Dell'Olio

In un momento di particolare ispirazione Jacques Gaillot, vescovo di Partenia, disse: “Quando la persona ha paura, non è libera e quando è libera, fa paura!”. E oggi quel sentimento irrazionale che è la paura ci tiene un po’ tutti sotto scacco fino a recidere segmenti importanti della nostra libertà. È soprattutto la paura dell’altro a rallentarci o addirittura a paralizzarci o la paura di perdere. Pezzi di benessere, di sicurezza, di stabilità quando non si tratta di prestigio, vantaggi e potere. E allora dovremmo provare a porre sui piatti della bilancia della nostra esistenza paura e libertà per comprendere cosa ci conviene di più. E se decidiamo che è la libertà che conta, disposti anche a pagare il prezzo che ci chiederanno continuamente quelli a cui faremo paura, costruiamo nella direzione di esercitarci al respiro della libertà più che a quello di sconfiggere le paure. Nella vita personale riusciremo a guardarci allo specchio ogni volta che lo desideriamo, in quella collettiva avremo spianato un pezzo di sentiero verso il cambiamento.  

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39