Quando partire significa migrare

6 ottobre 2016 - Tonio Dell'Olio

Partire e viaggiare dovrebbero essere sempre verbi parenti dei sostantivi piacere, curiosità, incontro, conoscenza… Nel rapporto presentato questa mattina dalla Fondazione Migrantes sugli italiani che partono per stabilirsi all’estero non è così. Non viaggiano, emigrano. E aumentano. Tanto che nel 2015 sono stati 107.509. E sono soprattutto giovani. E se ne vanno prevalentemente dalle regioni del Nord (a guidare la classifica sono Lombardia e Veneto, seguono Sicilia, Lazio e Piemonte) per cercare fortuna in Germania e in altre nazioni d’Europa ma anche oltrecontinente. Spesso si tratta di giovani preparati e competenti, creativi e innamorati delle materie che hanno approfondito. Comunque di giovani coraggiosi e desiderosi di lavorare. Per loro fortuna non sono clandestini e non devono attraversare deserti e mari con mezzi di fortuna svendendosi a trafficanti senza scrupoli, ma ugualmente sono forzati a partire contro la propria volontà impoverendo questo nostro Paese di risorse e creatività. Proprio come avviene per i giovani che arrivano da noi dall’Africa che viene continuamente e pesantemente drenata di forze e intelligenze. Almeno questo ci unisce.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39