La Pasqua di Castelluccio

4 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio

Si semina a Castelluccio. È l’immagine e la realtà più efficace per dire no alla rassegnazione. Avrebbero potuto urlare per chiedere risarcimenti per la mancata semina e il conseguente raccolto. Hanno preferito puntare piedi e zappe per seminare i colori nuovi che vedremo splendere nel sole d’estate. Forti come le lenticchie che crescono a 1.500 metri, quegli uomini e i loro trattori sono il simbolo liturgico di una Pasqua della vita che non si arrende e che non permette alla morte di avere l’ultima parola. A fare da sfondo un paese totalmente disabitato con le case che si piegano le une sulle altre, ma davanti i campi che attendevano d’essere fecondati. È la terra che sale in cattedra a insegnarci la vita e per questo merita d’essere ascoltata nel suo silenzio operoso. La semina di Castelluccio ha una parola per ciascuno di noi se solo sappiamo ascoltare. Per prevalere sulle sconfitte personali o collettive, per rialzarsi dopo ogni caduta, per resistere e ricominciare ogni volta. Senza stancarsi. Come le zolle sventrate dall’aratro, come ogni parto, come un sorriso che scalda il cuore. Tutto questo è il sapore aggiunto delle lenticchie di Castelluccio che da oggi rendono viva una terra ferita. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39