Pio La Torre

26 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio

Pio La Torre è uomo che ha avuto il coraggio di sposare la sua terra controvento, senza compromessi. Rifiutandosi in ogni modo e in ogni circostanza di voltarsi dall'altra parte. Perché un politico con lo sguardo lungo è quello che non si fa guidare da ciò che più conviene a sé, al partito, al consenso, ma alla gente, ai cittadini tutti. Per questo Pio La Torre non solo non esitò a denunciare la mafiosità che lo circondava, ma intelligentemente si oppose anche all'installazione dei missili a Comiso, segno di un'altra mafia internazionalmente legittimata e “benedetta”. Lo sguardo lungo e profondo di Pio La Torre intuì per primo che il carcere non bastava e che bisognava colpire le mafie nel cuore dei loro interessi, nel portafogli, nella “roba”, come diceva verganamente. E non solo non si lasciò mai distrarre dalla carriera politica,  dagli incarichi di partito e dagli scranni di Montecitorio, piuttosto li utilizzò per portare a Roma il senso della presenza mafiosa che non riguardava più soltanto la Sicilia. Lui quella terra l'aveva veramente sposata. È questo il senso dell'inizio del discorso di Enrico Berlinguer al suo funerale, dopo che il 30 aprile 1982 la mafia siciliana o quella mafia internazionale o tutte e due in convergenza di interessi, pretesero di farlo tacere per sempre. Berlinguer iniziò così, un riferimento tutt'altro che banale: "Pio La Torre è stato ucciso a poche centinaia di metri da dove era nato”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39