Molestie il silenzio degli uomini perbene

2 novembre 2017 - Tonio Dell'Olio

Dobbiamo dirlo chiaro e tondo: in certi ambienti è sempre parso pressoché normale che un datore di lavoro, un uomo potente, una persona che aveva la possibilità di aprirti una strada o “concederti” un posto di lavoro, ci provasse. Anzi, persino di più: per certi contesti se non lo avesse fatto sarebbe stato giudicato un buono a niente. Per questa ragione vedo tanta ipocrisia nei diti puntati verso il produttore di Hollywood, l'attore di successo, l'imprenditore o il politico. Si tratta di un costume consolidato che facciamo bene a denunciare finalmente, proprio perché si è consumato, per anni e anni, sulla pelle delle donne. Donne che per quei labirintici percorsi della psiche altrettanto puntualmente hanno taciuto o addirittura si sono colpevolizzate. La miscela deleteria è sempre la stessa: sesso, potere e denaro. Ma il problema più vero sta anche nel fatto che tanti uomini, che pur non si sono macchiati del medesimo misfatto, hanno taciuto. E tante volte il silenzio è connivenza. Non è,, forse giunto il momento di chiederne perdono alle vittime?

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39