Alla vigilia dell'8 marzo

7 marzo 2018 - Tonio Dell'Olio

A scanso di equivoci, vogliamo dirlo il giorno prima. Non sia una giornata melensa e retorica quella di domani. Dolce sì, ma nella scia della tenerezza. Parole sì, ma che siano mattoni in grado di selciare il nuovo, la strada del cambiamento o dell'inversione di tendenza rispetto alle violenze che si abbattono pesanti sulla vita, sul cuore, sull'anima, sul corpo delle donne. Per questo suona offensivo e oltraggioso ogni riferimento poeticamente angelicato da “bacio perugina” o da “ponte Milvio”. Sono altri i momenti in cui esaltare la poesia! La Giornata della donna è tempo in cui all'impasto dei giorni si aggiunge l'ingrediente essenziale del rispetto a cui educare, delle politiche da mettere in campo per arginare le violenze e le offese, delle scelte da adottare per riconoscere con dignità ogni lavoro delle donne. Domani siano gli uomini a tacere per guardarsi dentro e smascherare ogni residuo di idea di possesso, ogni pensiero deviato in termini di sessualità e di genere, ogni pur vaga giustificazione della violenza da imparare innanzitutto a riconoscere in sé stessi. E allora sì, sarà festa e si potrà far spazio anche alla poesia, alle mimose e alle cene fuori casa.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39