Don Pietro Pappagallo dalla parte giusta

16 luglio 2018 - Tonio Dell'Olio

Don Pietro Pappagallo qualcuno almeno lo ricorderà. Era il prete pugliese (nato a Terlizzi, Bari) che durante le persecuzioni delle leggi razziali trovò rifugio in Roma per centinaia di ebrei, aiutò la resistenza a organizzarsi in città, diede rifugio ad antifascisti e soldati alleati. Roberto Rossellini si ispirerà alla sua testimonianza per girare "Roma città aperta" (Aldo Fabrizi impersonava il prete). Oggi, a distanza di 74 anni dalla sua uccisione brutale alle Fosse Ardeatine, viene riconosciuto come "Giusto tra le nazioni" nello Yad Vashem. Fu trucidato insieme ad altre 334 persone e un superstite ha testimoniato che poco prima d'essere ucciso alzò le mani verso il cielo pronunciando la formula dell'assoluzione su tutti i presenti. Su tutti i presenti. Gino Crescentini non lo ricorderà mai nessuno. Fingendosi un fuggiasco, chiese rifugio e protezione a don Pappagallo e, avendole ricevute, lo denunciò. Era una spia dei fascisti. Per questo il prete venne arrestato e torturato brutalmente e poi trucidato. Don Pappagallo scelse di stare dalla parte giusta della storia, quella della vita. Come dovremmo fare tutti. Sempre. Oggi, ad esempio, qualcuno lo definirebbe semplicemente "buonista" e sceglierebbe di stare dall'altra parte. Quella inevitabilmente sbagliata.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38