Risse su appuntamento

24 ottobre 2018 - Tonio Dell'Olio

Non chiedetemi quale divertimento ci possa essere nel darsi appuntamenti tra sconosciuti con l'esclusivo intento di picchiarsi. Non saprei rispondere. Eppure le cronache ci riferiscono che questo è quanto è venuto alla luce, qualche giorno fa, a Piacenza, con la segnalazione di ben 63 adolescenti che sono incorsi in questo tipo di reato. E, a quanto pare, non si tratta affatto di un fenomeno isolato. Lo chiamano "Fight club". Forse è la tragica attrazione della violenza. Oppure semplicemente il distillato acerbo della noia che spesso ritorna con pietre dal cavalcavia, giochi estremi e feeling col suicidio. E se invece, molto più banalmente, fosse il bisogno di un contatto molto fisico in una vita ad altissima percentuale virtuale, in cui svanisce la dimensione essenziale dell'incontro e del riconoscersi in carne ed ossa? Come sempre, al di là della condanna, un mondo degli adulti attento dovrebbe essere capace di guardare in profondità a un fenomeno che forse è un grido, una richiesta, un modo, scemo e drammatico insieme, di attirare l'attenzione e di cercare di recuperare un tempo e uno spazio che viene continuamente sottratto al vissuto dei più giovani. E lascia, ancora una volta, un vuoto che attende d'essere riempito. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44