Soldi e potere di mafia capitale

12 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio

Quella di “Mafia capitale” non è mai stata mafia-tanto-per-dire ma una mafia con tutte le caratteristiche delle organizzazioni criminali di questo tipo. Perché non c'è bisogno di nascere in Sicilia, in Calabria o in Campania per essere Cosa Nostra, Ndrangheta o Camorra, è sufficiente adottare un codice che sembra tramandarsi di organizzazione in organizzazione nel corso degli anni e, in alcuni casi, dei secoli. Non importa il territorio quanto le finalità e il modus operandi. E i magistrati di Roma lo hanno dimostrato in 590 pagine fitte fitte di motivazioni che sono state depositate ieri presso la Corte d'Appello della capitale a seguito della sentenza dell'11 settembre scorso. Ebbene, si legge nelle motivazioni, quell'organizzazione aveva le caratteristiche tipiche delle associazioni a delinquere descritte nel 416bis grazie alla “forza di intimidazione espressa dal vincolo associativo e la condizione di assoggettamento e omertà che ne deriva”. Normalmente tra i caratteri che rendono “di stampo mafioso” un'organizzazione criminale vi è il forte legame con i rappresentanti delle istituzioni che cercano di addomesticare e di condizionare col fruscio di banconote o con altro genere di favori. In questo caso si è andato oltre, al punto che è scritto che i due principali imputati (Carminati e Buzzi) “esercitarono pressione per le nomine e i posti chiave dell’amministrazione Capitolina”. E le mafie questo cercano: soldi e potere.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39