19 luglio sei vite sparse

19 luglio 2019 - Tonio Dell'Olio

27 anni dopo siamo più forti noi o sono più forti loro? Questa è la domanda che dovremmo riuscire a porci come un mantra. Perchè di Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina i giornali oggi scrivono che “persero la vita” in Via D'Amelio e invece a noi piace pensare che, più che perderla, l'hanno “sparsa”. Come si spargono i semi. Nella speranza di trovare un terreno fertile. Ascoltare oggi le parole di Borsellino che denuncia la sua stessa solitudine e capisce di essere il servitore di uno Stato che preferisce i lacchè dello status quo, rinnova la ferita. Certo, i sei sarebbero felici di constatare che tanti giovani in questi giorni sono impegnati nei Campi di Libera a discutere di antimafia e ad ascoltare testimonianze significative di familiari di vittime. In questo siamo più forti noi. E lo diventeremmo ancora di più se certe sfumature di mafiosità scomparissero definitivamente dall'agire politico e sociale. Se la verità non fosse continuamente sacrificata sull'altare degli interessi di consorterie di potere e di denaro, che è un altro modo di dire mafia. Ai martiri di Via D'Amelio possiamo soltanto rinnovare quel giuramento solenne in cui ci impegniamo a convertirci in terreno fertile.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39