Amazzonia dell'umanità

25 settembre 2019 - Tonio Dell'Olio

Come fai a dire che l'Amazzonia non è dell'umanità ma della tua nazione? Come ti salta in mente di definire confini alla natura che “per sua natura” non ha mai conosciuto dogane? Nel bene e nel male. Se scoppia un reattore nucleare di una centrale come Chernobyl o Fukushima, l'aria e i fiumi ne trasportano le scorie senza pagare dazi. Un'intera foresta produce e dona ossigeno gratuitamente ai polmoni di ogni abitante del pianeta. I confini sono cose nostre, roba da essere umani, e non del creato che vive libero nell'aria e nell'acqua. Chi dicesse il contrario - mi spiace – è da manicomio. E chi volesse bloccare l'aria pulita entro i propri confini, altrettanto. Certo, il mondo è preoccupato di chi vuole sostituire l'esportazione libera di ossigeno con quella di anidride carbonica. Di chi, quell'ossigeno che il Creatore ha donato a tutta l'umanità, voglia sottrarre ai polmoni di tutti. Attenzione: di tutti. Anche al tuo respiro e a quello dei tuoi figli. E a quello dei tuoi nipoti e degli altri ancora. Perché sporcando il mondo, tutti siamo perdenti. Non ci sono vincitori. Per questo l'Amazzonia è dell'umanità. I Paesi entro i quali l'immensa foresta si trova (Brasile, Bolivia, Perù, Ecuador, Venezuela, Guyana Francese, Suriname e Guyana) sono chiamati a custodirla con il contributo obbligatorio di tutte le altre nazioni. Dell'umanità, appunto.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39