Il principe Torlonia

21 ottobre 2020 - Tonio Dell'Olio

"In capo a tutti c'è Dio, padrone del cielo. Questo ognuno lo sa. Poi viene il principe Torlonia, padrone della terra. Poi vengono le guardie del principe. Poi vengono i cani delle guardie del principe. Poi, nulla. Poi, ancora nulla. Poi, ancora nulla. Poi vengono i cafoni. E si può dire ch'è finito". È una citazione da Fontamara di Ignazio Silone. In quattro righe riferisce una verità che non è la semplice rappresentazione di uno spaccato di società contadina, chiusa e isolata, dell'Abruzzo del ventennio fascista. È piuttosto uno spaccato di coscienza, di mentalità, di convinzione scolpita nella testa e che è dura a morire. Quell'immagine del potere ci abita nonostante l'occidente e le sue democrazie, nonostante la dichiarazione universale dei diritti umani, nonostante il Vangelo della fraternità. Demolire quell'incrostazione calcarea della coscienza rappresenta una missione che dovremmo iscriverci come una missione. È imprescindibile se vogliamo fare qualunque passo in avanti verso una civiltà che non si glori solo di conquiste scientifiche e tecnologiche ma soprattutto di aver contribuito a partorire uomini e donne liberi e consapevoli.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39