L’altra faccia del mondo

4 novembre 2020 - Tonio Dell'Olio
Non sono passati tanti giorni dalla chiusura delle urne in Guinea, Costa d'Avorio e Tanzania. Ci sono state forti tensioni e brogli, manifestazioni di protesta, incidenti. La posta in palio era alta. L'hanno capito - come sempre - le imprese transnazionali occidentali e cinesi che vogliono essere garantite nelle concessioni. Devono essere sbrigative e a poco prezzo per poter continuare a depredare indisturbate quelle terre e ottenerne materie prime indispensabili per la nostra tecnologia e la nostra tavola. Che quelle elezioni fossero importanti non l'abbiamo capito noi che diciamo di volerli "aiutare a casa loro". Un presidente corrotto o corruttibile fa la differenza. Sono queste le condizioni per le quali si genera la miseria che produce migrazione. E noi tutti concentrati sulle elezioni Usa mentre l'altra faccia del mondo, quella nera, viene amministrata di fatto dai grandi potentati economici. Che a pensarci bene sono gli stessi che "ispirano" le decisioni dell'amministrazione a stelle e strisce, qualunque sia il candidato della Casa Bianca. Per questo non ci è lecito distrarci. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39