È un passo avanti

11 novembre 2020 - Tonio Dell'Olio

Derio Olivero è il vescovo di Pinerolo che nello scorso mese di aprile rischiò di morire a causa del Covid. Ieri ha sorpreso tutti con una lettera personale alla sua Chiesa e una nota congiunta firmata con il pastore della chiesa evangelica locale in cui chiede ai cristiani di non partecipare alla messa e al culto nelle prossime due domeniche (15 e 22 novembre). Vi consiglio di leggere entrambi gli scritti nella loro versione integrale. Entrambi chiedono di "fare volontariamente un passo indietro" perché "essere cristiani - si legge nella lettera - non significa innanzitutto difendere i propri diritti, quanto lottare per i diritti di tutti". Quindi a nostro avviso si tratta piuttosto di un passo avanti. Un gesto dalla forte "valenza ecumenica e di testimonianza civile". Il vescovo Derio scrive: "Chiedo scusa alle persone sensibili che magari verranno scandalizzate da questa scelta. Cari amici, vi chiedo di fare questo sforzo anche per i vostri figli, o nipoti, che forse non frequentano più le nostre liturgie (e son tanti, purtroppo). Loro guardano la Chiesa come un'istituzione insensibile alla loro vita concreta, ai loro problemi; un'istituzione chiusa nella sua dottrina, incapace di dialogo; un'istituzione fuori dal tempo. Cari fratelli e sorelle, aiutiamoci a creare una Chiesa capace di parlare non solo a noi praticanti (e di una certa età, come me), ma ancora capace di parlare ai giovani e a chi non crede. Questa è la grande urgenza. Aiutatemi, amici credenti, a costruire il futuro. Di tutti".

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39