La post-verità del soccorso

16 novembre 2020 - Tonio Dell'Olio

Ho seguito una specie di convegno sulla "post-verità" ma devo dirvi sommessamente che non ci ho capito granché. L'inseparabile complice delle verità presunte che si chiama Wikipedia dice che "nella post-verità la notizia viene percepita e accettata come vera dal pubblico sulla base di emozioni e sensazioni, senza alcuna analisi concreta della effettiva veridicità dei fatti raccontati". In pratica è quella che ha portato un buontempone o un infido infiltrato della CIA a pubblicare su Facebook la "notizia" secondo la quale le autoambulanze circolano per le città a sirene spiegate per creare panico tra i suoi abitanti e costringerli a rintanarsi in casa e, casomai, anche a subire senza obiezione alcuna, le malevoli decisioni restrittive del governo. Gli encefalogrammi più vulnerabili stanno reagendo con attacchi inopinati ai mezzi e al personale del pronto soccorso. E a me spontaneamente verrebbe di urlare: "Fatevi curare!". Ma poi penso: "Presterebbero fede al soccorso che arriva loro incontro o si sentirebbero comparse di un Truman Show lungo le strade della propria città?". In ogni caso sono persone che vanno aiutate e non assecondate. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39