Appello al Consiglio di Amministrazione della RAI

Che fine farà Rainews24

Si prepara un cambio alla direzione di Rainews24. Roberto Morrione, che ha guidato il canale fin dall’avvio delle trasmissioni, il 26 aprile 1999, va in pensione ai primi di giugno.
Chi prenderà il suo posto?
Durante questi sette anni di vita, Rainews24 si è fortemente caratterizzata per l’attenzione centrata sull’informazione internazionale, con una forte capacità di affrontare anche le situazioni più dimenticate dalla quasi totalità dei media italiani.
Rainews24 è il canale che ha alzato il velo sull’uso del fosforo bianco nei bombardamenti su Falluja, portandolo all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale, è il canale che ha denunciato le conseguenze dell’uso di armi all’uranio impoverito su persone e ambiente, solo per citare due tra le tante inchieste trasmesse in questi sette anni. È il canale che, da solo in tutta la Rai, ha avuto il coraggio di dedicare dirette tv ad eventi come la grande manifestazione contro la guerra in Iraq del 15 febbraio 2003 e la Marcia per la pace Perugia-Assisi dell’ottobre seguente, come anche le edizioni precedenti. Ha contribuito a far luce sulle tante mafie che attraversano i nostri territori. Gli spazi fissi dedicati all’Africa e in generale al sud del mondo, la capacità di dare voce alla pace, alla cooperazione internazionale, ai temi sociali, all’immigrazione, al lavoro, all’ambiente, alla cultura, riconoscendo dignità alle diverse componenti della società civile come alle tante anime della marginalità, sono elementi unici nel panorama informativo italiano, e in particolare della Rai.
Chiediamo, quindi, che questo straordinario patrimonio non sia disperso. Chiediamo che la scelta del successore di Roberto Morrione risponda alla garanzia di continuità con questa linea, individuando un professionista di grande spessore e con una solida conoscenza del panorama mondiale, selezionato non sulla base delle appartenenze politiche ma esclusivamente sulla base delle capacità professionali e della preparazione e sensibilità a quella che fino ad ora è stata la “missione editoriale” di Rainews24.

Roma, 25 maggio 2006

All´appello hanno già aderito molte organizzazioni della società civile. Tra i primi firmatari la Tavola della pace, il Coordinamento nazionale enti locali per la pace, Acli, Arci, ActionAid, Agesci, Cnca, Capodarco, Legambiente, Libera, Mosaico di pace, Missione Oggi, Terres des Hommes, la Campagna del Millennio delle Nazioni Unite.
Tra i singoli hanno già aderito Vinicio Albanesi, Flavio Lotti, Grazia Bellini, Luigi Ciotti, Raffaele K.Salinari, Marco de Ponte, Maurizio Gubiotti.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44