CHIAVE D'ACCESSO

Ubuntu

Una rivoluzione informatica color cioccolato. È disponibile per tutti un sistema operativo alternativo a Windows, gratuito e perfettamente funzionante.
Alessandro Marescotti

Mentre scrivo questo articolo ho due computer sulla scrivania. Accendo il primo. Parte con le sue schermate azzurre, con il cielo e le nuvole. Funziona con Windows, il sistema operativo di Bill Gates, l’uomo più ricco del mondo che mira ad avere il monopolio sull’informatica. Accendo il secondo computer. C’è qualcosa di diverso che si nota subito. Parte con schermate color cioccolato. Non appare la scritta “Windows” ma “Ubuntu”. Al posto dei suoni sintetizzati di Windows ci sono suoni africani. Un coro popolare profondo mi accoglie e mi annuncia che il computer è pronto.
Nella schermata iniziale appare un tramonto africano e in alto ho a disposizione il menù con i programmi disponibili. Il menù è tutto in italiano. Clicco con il mouse sul programma di videscrittura e posso cominciare a darmi da fare per questo articolo. L’interfaccia è in italiano. Ha sfondi e cornici in cui domina il tipico color marrone di tante strade africane e del legno. Le modalità operative sono molto simili a quelle di Windows. Passare dall’uso di Windows all’uso di Ubuntu è facile come passare dalla guida di una Punto alla guida di una Golf. I comandi sono sostanzialmente gli stessi, ma sono collocati in un “cruscotto” diverso. Il “cruscotto” color cioccolato che ho di fronte mi fa tanto pensare alle confezioni sobrie e accattivanti che trovo nelle botteghe del commercio equo e solidale.
Era da tanto tempo che volevo cambiare Windows e Ubuntu mi ha dato la possibilità di farlo scegliendo una soluzione diversa anche sotto il profilo simbolico oltre che tecnico. Rompere un monopolio e installare programmi che siano completamente liberi e gratuiti dà la sensazione di partecipare a una rivoluzione nonviolenta. Se poi si aggiunge questo bel color marrone e i suoni di un tamburello africano quando clicco sui bottoni sbagliati, allora la sensazione è indescrivibile. Cliccate sui bottoni sbagliati con Windows. Un suono elettronico severo e sgradevole segnala che c’è stato un errore. Qui su Ubuntu invece c’è il suono di tamburello, più gentile e naturale. E ci avverte con gentilezza quando sbagliamo.
Ubuntu è un sistema operativo completamente diverso da Windows sotto il profilo “filosofico”. È basato su Linux ed è pensato per l’Africa. Mentre scrivo questo articolo vedo in alto a sinistra una pallina blu e azzurra che simboleggia il mondo: ci clicco su. Si apre il programma Mozilla e navigo su Internet per cercare il significato della parola “ubuntu”. Trovato. Ubuntu è un’antica parola africana, dal significato “umanità agli altri”. Un ulteriore significato è: “Io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti”.
Ubuntu quindi è una parola scelta non a caso e “battezza” questa nuova versione di Linux. Per chi non lo sapesse, Linux è un sistema operativo completamente opposto rispetto a Windows. Mentre Windows è a pagamento, Linux è gratuito. Mentre Windows ha i codici di programmazione segreti, Linux è “open source”, ossia lo si può studiare dal di dentro, è pubblico, non ci sono segreti industriali e così la comunità dei programmatori lo può migliorare continuamente attraverso un processo assolutamente trasparente e gratuito. I risultati di questa rivoluzione copernicana sono evidentissimi.
Con Windows tutte le scuole e tutti gli uffici della pubblica amministrazione sono obbligati ad acquistare le licenze di Windows e a spendere una marea di soldi. Con Linux no. Ma anche sotto il profilo pratico le cose cambiano. Prendiamo il computer che ho qui sulla mia sinistra. Funziona con Windows e si è già bloccato tre o quattro volte nell’ultimo mese e ho perso alcune parti di un testo che stavo scrivendo.
Da quando lavoro, invece, con Ubuntu il computer non si è mai bloccato. È la rinomata “stabilità” e sicurezza per cui Linux è conosciuto e Ubuntu la sfrutta appieno. E mentre mi accingo a concludere questo articolo digitando sulla tastiera e pensando che Ubuntu non farà lo scherzetto di bloccarsi, penso due cose. La prima è che è veramente strano come milioni di persone, me compreso, si siano abituati per anni e anni a usare un sistema operativo come Windows che si bloccava almeno una volta al mese (se accadesse alla nostra auto sceglieremmo prima o poi di cambiarla). La seconda è che Carlo - il mio amico Carlo Gubitosa - ha fatto un grande regalo a installarmi Ubuntu.
E adesso tocca a voi, andate sul sito http://www.ubuntu-it.org e informatevi, non vi riducete come me che solo da poche settimane ho avviato la mia rivoluzione color cioccolato.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39