Giornata Internazionale, mondiale, dei ROM

Chi se ne è accorto?
Una diversità che ancora fa paura
20 aprile 2010 - COSV

“Nel nostro piccolo, ai margini dell’Europa, qualcosa stiamo cercando di fare, anche ricordando questa data importante per il popolo Rom”. È perentoria la dichiarazione dei rappresentanti della municipalità di Prilep, in Macedonia. Fa eco la voce dei volontari del COSV, l’ong italiana che proprio sul tema dell’integrazione dei Rom nella società sta lavorando grazie a un progetto in ben tre paesi: Macedonia, Montenegro e Kossovo. “Siamo davvero colpiti dal clamore del silenzio che accompagna questo avvenimento ma certo non sorpresi. Purtroppo il problema dei Rom è ancora uno dei piu terribili esempi di razzismo ed emarginazione che si conosca in Europa”.
Quella odierna, l’8 Aprile, è la data in cui si celebra, in tutto il mondo, il Romano Dives, la giornata internazionale della nazione Rom, per ricordare quell’8 aprile 1971 che vide riuniti a Londra, al Congresso, per la prima volta a livello internazionale i rappresentanti delle comunità rom. Fu in quell’occasione che si costituì la Romani Union, la prima associazione mondiale dei Rom riconosciuta in seguito, a partire dal 1979, anche dall'ONU.
Le discriminazioni iniziate dall’arrivo delle comunità rom in Europa, almeno cinque secoli fa, e culminate con il Porrajmos, l'Olocausto zingaro, in cui persero la vita nei campi di sterminio nazisti almeno 500.000 Sinti e Rom, non sono purtroppo diminuite nel tempo. Possiamo anzi dire che in tutta Europa i fenomeni di intolleranza nei confronti di questa minoranza etnica siano addirittura in aumento. È il caso dell'Italia con i suoi campi nomadi fortemente lesivi dei più elementari diritti umani, viste le ubicazioni di molti campi nei pressi di discariche o in aree dalle condizioni ambientali particolarmente svantaggiate. Una situazione che ricorda il regime dell’apartheid come cita il rapporto dell’European Roma Rights Center e che riguarda un po’ tutte le nazioni europee.
Bisogna andare allora in Macedonia, presso la piccola municipalità di Prilep, per vedere celebrata la Giornata Internazionale dei Rom, in mezzo a danze popolari, spettacoli teatrali, musica ed altri eventi cui partecipano, con indubbio successo, studenti e ragazzi sia Rom sia macedoni, rappresentanti delle diverse comunità, organizzazioni di volontariato ma anche semplici cittadini, per dare voce e ascoltare i problemi di una minoranza che rappresenta il 6% della popolazione nazionale. “L’integrazione delle minoranze nella municipalità è molto importante” sostiene Ana Lashkoska, responsabile delle relazioni esterne della Municipalità di Prilep.
“Il progetto del COSV nei Balcani è stato realizzato per promuovere, con un approccio comune, l’inclusione sociale delle comunità rom all’interno del processo di integrazione tra le differenti comunità locali”, dice Ana M. Da Rocha - responsabile del progetto in Macedonia. Il progetto, realizzato in partnership con alcune associazioni locali - AHP-Aid for Handicap and Poor people, FSR- Fondazione per il Sostegno degli Studenti rom e ONG MOSAIC Network - mira al rafforzamento delle minoranze Rom, inteso come progressiva consapevolezza dei propri diritti e costruzione di condizioni di maggiore sicurezza. Un impegno che, con grande difficoltà, dovrebbe riguardare tutta Europa.
Dall’indagine EU-MIDIS condotta dall’Agenzia dei Diritti Fondamentali sulle minoranze europee è infatti emerso che i Rom subiscono continuamente crimini contro la persona, abusi, molestie e minacce a sfondo razzista, nonostante siano un’esigua minoranza quelli ancora nomadi, a fronte di un gran numero di famiglie e individui stanziali anche da molti anni. I pregiudizi, insomma, sono duri a morire.
Quelli sui rom, di più..

Prilep, 8 aprile 2010

Per informazioni: COSV Milano – 02 2822852 – cosv@enter.it - www.cosv.org

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39