In digiuno contro la guerra

11 aprile 2011 - Peppe Sini (responsabile del Centro di ricerca per la pace di Viterbo)

Ho iniziato oggi, lunedì 21 marzo 2011, un digiuno contro la guerra.
Contro la guerra afgana, contro la guerra libica, contro la guerra nemica dell’umanità.
Per una persona amica della nonviolenza il digiuno non è un modo per imporre qualcosa ad altri, ma per assumere su di sé una responsabilità.
Vivo in un paese che nella sua legge fondamentale, la Costituzione della Repubblica Italiana, ha scritto che “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”: perché non sono stato capace, non siamo stati capaci, di far rispettare questa legge?
Mi sono formato in una tradizione culturale che da Socrate di Atene a Gesù di Nazareth ha saputo affermare che è preferibile subire il male anziché commetterlo: perché non sono stato capace, non siamo stati capaci, di far rispettare questa legge?
Condivido l’opinione di ogni persona ragionevole secondo cui il primo diritto di ogni essere umano è il diritto a non essere ucciso: perché non sono stato capace, non siamo stati capaci, di far rispettare questa legge?
So che la guerra è nemica dell’umanità, so che nell’epoca attuale ogni guerra può evolvere in un conflitto mondiale in grado di mettere fine alla civiltà umana, so che il primo dovere di ogni essere umano è impedire che questo accada, ergo: il primo dovere di ogni essere umano è opporsi alla guerra. Perché non sono stato capace, non siamo stati capaci, di far rispettare questa legge?
Conosco il modo in cui si può contrastare l’oppressione, l’ingiustizia, il crimine, la violenza: questo modo è la nonviolenza.
Conosco il modo in cui si possono gestire i conflitti: questo modo è la nonviolenza.
Conosco il modo in cui si possono condurre le lotte di liberazione: questo modo è la nonviolenza.
Conosco il modo in cui si possono inverare i diritti umani di tutti gli esseri umani: questo modo è la nonviolenza.
Ho iniziato oggi un digiuno come forma di azione nonviolenta. Per assumermi la mia responsabilità di essere umano tra esseri umani. Per esprimere il mio impegno a far rispettare la legge che dice: tu non uccidere, tu adoperati per salvare le vite, vi è una sola umanità.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39