La Palestina

14 giugno 2011 - Loretta Mussi

Le rivolte arabe hanno colto le dirigenze palestinesi in un momento di grande crisi e di caduta della propria credibilità, per la chiusura di Israele a un accordo di pace equo e anche a seguito delle rivelazione dei Palestinian Papers. Di fatto, l’Autorità Palestinese, dopo Oslo, ha funzionato come braccio dell’occupazione israeliana, mentre Hamas, con i suoi quadri messi in galera, torturati e repressi in Cisgiordania da Israele e dalle forze di Abbas, è assediata a Gaza dove cerca di governare. Allo stesso tempo, Hamas non ha offerto una visione politica coerente per tirar fuori i palestinesi dall’attuale impasse e il suo ruolo a Gaza inizia sempre più a rassomigliare a quello della sua controparte Fatah in Cisgiordania. La popolazione ha assistito, alle rivolte dei paesi vicini, con un misto di sorpresa e di delusione, stante la lotta di resistenza e liberazione, ormai quasi secolare, che essa per prima aveva condotto contro l’occupante israeliano. Eppure, il mutato panorama, sta influendo anche sugli assetti palestinesi, e sui suoi rapporti con Israele. Sulla scia delle contestazioni arabe, vi è stata la mobilitazioni dei giovani palestinesi sia nei territori occupati che a Gaza, con la richiesta di porre fine di tutte le divisioni. Poco dopo, sono ripresi i colloqui tra Hamas e l’Autorità Palestinese, che attraverso la mediazione del nuovo capo dell’intelligence egiziana, hanno portato a un primo accordo: governo di transizione ed elezioni entro un anno, intesa sulla questione sicurezza e rilascio del prigionieri politici da entrambi le parti. Non è previsto alcun tipo di negoziato con Israele da parte del governo ad interim.
Diversi sono i motivi che hanno reso possibile un accordo che, sotto il regime di Mubarak era rimasto in totale stallo. Innanzitutto, il cambiamento avvenuto nella leadership egiziana, il cui nuovo esecutivo egiziano è più equilibrato rispetto al passato, quando gli egiziani apparivano più vicini alle posizioni di Fatah e di Abu Mazen. Inoltre, le trasformazioni che stanno avvenendo in tutta la regione mediorientale, hanno forse reso consapevole la leadership palestinese del peso delle proteste e dei movimenti della società civile, oltre che della nuova consapevolezza dell’opinione pubblica palestinese, pronta punire la fazione politica che non rispettasse l’accordo. Il passo è importantissimo: ora bisognerà vedere come proseguiranno i negoziati tra le due parti, visto che Israele ha reagito molto duramente intimando all’Autorità Nazionale Palestinese (ANP) di scegliere “tra la pace con Israele e la riconciliazione con Hamas”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39