Dedicato ai morti a Lampedusa

10 ottobre 2013 - Nina Sadeghi

Il mare sputa
speranze morte
cadaveri disprezzati
sulle rocce fredde di una terra
che io non riconosco
la luna forse
può testimoniare
il pianto del bambino
in balia delle onde
del suo destino?
Nel cielo
le stelle sono morte
e l'abbraccio caldo
della madre
ha cantato
l'ultima canzone.
Ora la regola di vivere
è la morte
dei corpi fragili e stanchi
e l’immagine
dell' ultimo sorriso
del bambino
è nel sole di domani

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39