MARZO 2005

Ricordi Romero?

A cura di Francesco Comina e Alberto Conci

A venticinque anni di distanza il martirio di Oscar Romero, assassinato nella cappella dell’hospedalito di San Salvador il 24 marzo 1980, rimane attuale e provocatorio.
Prima di tutto perché la sua esistenza e la sua morte violenta lo collocano nella linea di coloro che sono stati perseguitati e uccisi per causa di giustizia; e i martiri e i testimoni rappresentano una forma di memoria che esercita una pressione critica mai sopita sul presente. Sono i martiri a farci sentire quanto “pericolosa” sia, direbbe Metz, la memoria del Vangelo di Gesù Cristo. Pericolosa perché la teologia dei martiri non è una teologia a buon mercato, adattata al buon senso del mondo, accattivante o intrisa di slogan, non è una teologia addomesticata che abbassa le esigenze della fede. Al contrario essa è paradossalmente una teologia ‘di conservazione’, che bada a non perdere l’essenziale, che non esprime nessuna pretesa se non quella di richiamare continuamente alla sequela e alla logica del Regno; ma è, se così si può dire, una ‘conservazione rivoluzionaria’, che intacca il presente e ne mette in rilievo l’insufficienza e, soprattutto, l’ingiustizia.
Ma non c’è solo questo. Quel martirio continua a provocare perché la teologia che scaturisce dal martirio è anche una teologia politica: come fu anche per Gesù, i martiri di ogni tempo non vengono uccisi a caso, ma perché la loro teo-logia, il loro parlare di Dio non lascia nulla al suo posto e richiama a una giustizia di Dio che sovverte, nel presente come nel futuro, i rapporti di forza che sostengono la politica e i rapporti di potere fra gli uomini.
Forse per questo continuiamo ad essere interpellati ancora oggi dalle parole e dal martirio di Romero: perché la teologia dei martiri è una teologia essenziale, che mette al centro la ‘parzialità’ di Dio “verso ciò che è debole in questo mondo, i poveri, i disprezzati, gli emarginati nelle più diverse forme, i peccatori, verso tutti coloro per i quali vivere è un carico pesante”. Una parzialità essenziale poiché, scriveva un altro martire del Salvador, padre Ignacio Ellacurìa, “senza conversione ai poveri, come luogo dove Dio si rivela e chiama, è impossibile accostarsi adeguatamente alla realtà viva di Dio e alla sua luce chiarificatrice, e senza la presenza e la grazia di Dio dataci dai poveri e attraverso di essi, non c’è possibilità piena di conversione”.

Allegati

  • Ricordi Romero? (3224 Kb - Formato pdf)
    PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Allegati

    • Ricordi Romero? (3224 Kb - Formato pdf)
      PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39