CHIAVE D'ACCESSO

Resistere in rete

Mailing list, smartphone e pacifisti in movimento.
Alessandro Marescotti (a.marescotti@peacelink.it)

In questo articolo tenterò di offrire una piccola mappa dei “social network” pacifisti: le mailing list. Chiamate semplicemente “liste”, sono dei sistemi di invio “a rete” dei messaggi. Ad esempio, si manda un messaggio a pace@peacelink.it e l’e-mail arriva a tante persone che la leggono e che possono rispondere, generando un dibattito, una collaborazione, una condivisione delle iniziative.
Per ottenere questo eccezionale effetto di condivisione di gruppo, occorre però iscriversi alla mailing list. E per farlo bisogna andare su una pagina web e inserire la propria e-mail.
Ad esempio http://www.peacelink.it/liste/index.php?id=17
La più “antica” mailing list pacifista è quella di PeaceLink, nata venti anni fa con tecnologie amatoriali e poi evolutasi in modo tale che ogni messaggio inviato a pace@peacelink.it diventa una pagina web. Ad esempio, dal mio cellulare smartphone, tramite il tastierino, posso mandare un messaggio a pace@peacelink.it da qualunque punto mi trovo e quel messaggio e-mail “diventa” una pagina web. È tutto automatico, non bisogna conoscere il linguaggio html, non bisogna accedere a sistemi software per creazione di pagine web con username e password. È tutto velocissimo, immediato. Ricevo la notizia di un’iniziativa pacifista tramite e-mail? In pochi secondi la “rigiro” inviandola a pace@peacelink.it e diventa una pagina web praticamente all’istante, e contemporaneamente quella pagina web contiene il messaggio che ho inviato in simultanea a tante persone collegate alla mailing list pace di PeaceLink. Questo sistema “mobile” ha un’efficacia e una praticità straordinaria, consente di agire in tempo reale, mentre si è in movimento, per la strada. Tutto ciò offre una tempestività di informazione anche grazie al “copia e incolla” di testi prelevati in tempo reale da agenzie stampa tramite lo smartphone che si collega al web.
L’accoppiata fra smartphone e mailing list come pace@peacelink.it è veramente una simbiosi tecnologica efficace. Parlo di questa mailing list di PeaceLink perché è la lista più “antica” di tutte. Nata venti anni fa, ancora oggi è il principale punto di riferimento per il movimento contro la guerra. È stata molto attiva durante la guerra di Libia. L’elenco dei messaggi è pubblico e si può leggere qui http://lists.peacelink.it/pace
Vi sono anche altre mailing list.
Il Movimento Nonviolento ne ha creata una dal marzo 2011. I messaggi sono consultabili all’indirizzo web http://lists.nonviolenti.org/pipermail/nonviolenti
Molto partecipata durante la guerra in Libia è stata la mailing list “No-war Roma” che ha questo indirizzo internet: https://groups.google.com/group/nowaroma
Tuttavia i messaggi non sono visibili pubblicamente sul web e occorre iscriversi per leggerli e partecipare.
Un’altra mailing list è “Sempre contro la guerra”:
http://groups.google.com/group/semprecontrolaguerra
L’archivio dei messaggi è pubblico.
Altre mailing list sono gestite dall’Associazione per la Pace, da Beati i Costruttori di Pace, dalla Rete IPRI-CCP (Corpi Civili di Pace), dalla Rete Disarmo , dagli Studenti del Corso di Laurea in Scienze per la Pace, e così via. PeaceLink sta tentando di delinearne una mappa su www.peacelink.it/pace
Vi è poi Facebook, dove si sono strutturati gruppi interattivi di utenti sulle questioni della guerra. Durante la guerra di Libia il più attivo è stato quello di PeaceLink, raggiungibile anche per i non iscritti a Facebook, che hanno potuto consultare in diretta le “bugie di guerra”. L’indirizzo è http://it-it.facebook.com/pages/Peacelink/91048861525
La pagina Facebook di Pax Christi è http://it-it.facebook.com/pages/Pax-Christi-Italia-Pagina-Ufficiale/124406687633397
Su questi network sociali sta “resistendo” quel che resta del movimento per la pace italiano, insabbiatosi in Libia. Un movimento che durante la guerra è rimasto in buona parte inerte e silente, a volte disorientato da una spregiudicata propaganda di guerra. L’Italia, una delle nazioni più attive contro la guerra, è stata “normalizzata” da media “progressisti”, come ad esempio Rainews o Repubblica. Ad addomesticare il movimento pacifista sono stati i suoi “amici politici”. Rilanciare la controinformazione è la priorità del movimento per la pace. Anche con uno smartphone collegato alla mailing list.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39